Mondiali 2018: la Germania vince all’ultimo minuto.

La Germania ancora in corsa per il mondiale grazie a un gol all’ultimo minuto.

loading...

La Germania è riuscita a non compromettere la qualificazione agli ottavi di finale della rassegna iridata soltanto all’ultimo respiro. I tedeschi – dopo aver perso la prima partita contro il Messico – hanno infatti rischiato grosso contro una Svezia molto coriacea.

In vantaggio gli svedesi al 32′: errore banale in uscita di Kroos, dalla tre quarti Claesson lancia Toivonen che controlla e supera Neuer con un pallonetto millimetrico. La Germania reagisce, ma a pochi secondi dalla fine del primo tempo rischia di finire sotto di due reti e solo Neuer la tiene a galla. Alla ripresa è assedio tedesco, ma sterile. All’82’ un fallo da dietro costa il secondo giallo e la conseguente espulsione a Boateng. In dieci la Germania però risorge: un grande Olsen dice no al colpo di testa di Gomez all’87’, poi palo clamoroso di Gundogan nel recupero. Si fa buio sulla Germania finché, al 95,’su punizione Kroos insacca con un tiro incredibile.

GERMANIA-SVEZIA 2-1 (0-1) 
Germania (4-2-3-1): Neuer; Kimmich, Rudiger, Boateng, Hector (42′ st Brandt); Rudy (31′ pt Gündogan), Kroos; Muller, Draxler (1′ st Gomez), Reus; Werner. (2 Plattenhardt, 4 Ginter, 5 Hummels, 6 Khedira, 10 Özil, 12 Trapp, 14 Goretzka, 15 Süle, 22 Ter Stegen). Ct: Loew.
Svezia (4-4-2): Olsen; Lustig, Lindelof, Granqvist, Augustinsson; Claesson (29′ st Durmaz), Larsson, Ekdal, Forsberg; Berg (44′ st Kiese Thelin) , Toivonen (33′ Guidetti). (5 Olsson, 12 Johnsson, 13 Svensson, 14 Helander, 15 Hiljemark, 16 Krafth, 18 Jansson, 19 Rohdén, 23 Nordfeldt). Ct: Andersson.
Arbitro: Marciniak (Pol).
Reti: 32′ pt Toivonen, nel st 3′ Reus, 50′ Kroos.
Angoli: 8 a 3 per la Germania.
Recupero: 2′ e 8′.
Espulsi: al 37′ st Boateng per doppia ammonizione.
Ammoniti: Ekdal e Larsson per gioco scorretto.
Var: 0.

I criteri di qualificazione agli ottavi

Per determinare la posizione in classifica delle squadre in ogni gruppo saranno presi in considerazione, nell’ordine, i seguenti criteri:

1) maggiore numero di punti;
2) migliore differenza reti;
3) maggiore numero di reti segnate.

Nel caso in cui, dopo aver applicato quanto sopra, due o più nazionali si trovassero ancora in parità, verranno utilizzati, sempre nell’ordine, gli ulteriori parametri qui di seguito:

4) maggiore numero di punti negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa);
5) migliore differenza reti negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa);
6) maggiore numero di reti segnate negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa);
7) maggiore numero di punti fair play, secondo quanto segue con i cartellini:

-giallo: – 1 punto;
-rosso indiretto (doppio cartellino giallo): – 3 punti;
-rosso diretto: – 4 punti;
-giallo + rosso diretto: – 5 punti.
8) sorteggio effettuato dal comitato FIFA.